mercoledì
15
mag 2013

Mivitaly racconta Martina Pinto. Il video.

sera 4_rid

Organizzare le riprese partendo dal suo arrivo in stazione a Venezia sembrava una buona idea per il nostro video, 4 telecamere, steadycam, cavalletti ed una troupe da 6 persone però hanno dato un po’ all’’occhio e in meno di 5 minuti avevamo tutta la polizia ferroviaria a farci compagnia, sono questi i casi in cui il ruolo di Santa Maria Goretti interpretato da Martina nel film per la televisione Maria Goretti ti viene in aiuto, una volta conosciuta e riconosciuta ed una volta spiegato le nostre buone intenzioni tutto è filato liscio.

martinapinto_13_rid

Il format di Mivitaly non pretende di raccontare in 6 minuti l’intera vita di una persona, è un flash su quanto sta vivendo, ciò che gli sta accadendo, cercando di raccontare quella voglia di fare, di credere, di continuare ad investire sulle proprie passioni in questo momento, in questo Paese. Ecco perché Martina ci è apparsa subito un soggetto ideale, innamorata del cinema ed attrice sin da giovanissima età, è la persona che meglio può raccontare il buono ed il meno buono di una vita spesa davanti alle telecamere, quando ancora la tua vita è divisa tra studio, scuola, amici e gli impegni che il mondo della televisione esige, capire quando questo può essere un modo divertente ed affascinante per vivere esperienze rare per un adolescente, decidere quando questo può diventare un lavoro, prendere decisioni che ti portano lontano dai percorsi che abitualmente intraprendono i tuoi coetanei, con tutti i rischi del caso, ci devi credere, ci vuole perseveranza ed una vera e genuina passione.

martinapinto_38_rid

La collaborazione di Martina con L’Aura Bags ci è sembrata un’altra bella storia, una delle tante che portano inevitabilmente le persone con lo stessa voglia di fare a cercarsi e trovarsi, una giovane attrice, un marchio emergente, tanto made in Italy, quel made in Italy che fa bene, ci sembrava naturale quindi raccontare anche questo legame lavorativo nel video.

8_ridIMG_2446_rid

“Mia madre ha da subito assecondato questa mia passione, questa mia attitudine, e se ora ho la fortuna di aver fatto della mia passione un lavoro, lo devo soltanto a lei, a mia madre. Non è facile fare il genitore di un “attore in erba”, soprattutto se minorenne, perché ogni cosa diventa un ostacolo, i pregiudizi della gente, le difficoltà varie, la scuola. La scuola ad esempio è sempre stata il mio problema più grande, non perché non mi piacesse studiare, ma perché, proprio per quei pregiudizi, sono stata penalizzata per questa mia passione così ingombrante, trasformatasi subito in lavoro con tutti gli impegni ed i vincoli che ne conseguono.”

DSC03010sera 2 copia

martinapinto_75_ridUn doveroso ringraziamento agli abiti concessi dall’ Atelier Curti Haute Couture e dal collier realizzato per l’occasione da Botteguccia Accessories.

martinapinto_126

martinapinto_48_rid

Il gigante buono, come lo abbiamo chiamato nel set, il cavaliere che si materializza nel sogno di Martina, è Alex aka Lex Serafo artista sui trampoli, sul monociclo, e su qualsiasi strumento con cui possa sfidare l’equilibrio, divertendosi e facendo divertire. Infinite le sue esperienze lavorative, dall’animazione nei locali italiani ed esteri, alle tantissime presenze ad eventi che lo hanno portato sino alla partecipazione al Circo di Montecarlo di Stephanie di Monaco, un piacere quindi averlo nel nostro set, grazie Alex.

martinapinto_138

Un ringraziamento ad Andrea e Davide D-And Photography per l’assistenza nelle riprese e per i bellissimi scatti durante il set.

L’idea di costruire un set con un installazione composta da palloncini colorati ci è venuta prendendo spunto ad una recente mostra fotografica organizzata dal giovane Alberto Barosco , osservando uno di quei scatti abbiamo realizzato che poteva essere un modo veloce e pratico per portare colore ed una cornice fantastica sul set allestito sulla spiaggia.

Non finiremo mai di ringraziare anche Matteo Rizzante e tutto lo staff dell’ Adlon Hotel di Jesolo per la disponibilità e la smisurata pazienza durante le riprese interne ed in esterna.

Mivitaly e Martina Pinto vi augurano una buona visione.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE

Due occhi grandi Nima.
Sognare non costa niente, eppure è una delle cose più preziose che abbiamo. Martina Pinto
Nima Benati ed il video di Mivitaly, set e curiosità a telecamere spente.
Bookmark and Share